x I termini di utilizzo di photo4u.it sono stati aggiornati in base alle attuali leggi europee per la privacy e protezione dei dati (GDPR). Puoi leggere la nuova versione nella pagina Termini di utilizzo e Privacy.
photo4u.it
Menù
Home Home
Forum Forum
Fotografie Fotografie
Le tue Preferite Le tue Preferite
Foto della settimana Foto della Settimana
Foto in Vetrina Foto in Vetrina
i Contest di photo4u.it Contest 4u
Taccuino fotografico Taccuino fotografico
Grandi Memo Grandi Memo
Articoli Articoli
Interviste Interviste
Le recensioni degli utenti Recensioni
Tutorial Tutorial
Eventi Eventi
Libri Libri
Segnalazione concorsi Concorsi
Donazioni Donazioni
utileFutile utileFutile
Lo staff di photo4u.it Lo staff
Contatti Contatti
Privacy policy Privacy policy
Benvenuto!
Login
Utente:

Password:

Login automatico
 
photo4u.it - Articoli
Racconti fotografici - AstroFotografia di Massimo Tamajo


Piccolissimo investimento e da
Fotografo Naturalista ad Astrofotografo
...il passo è breve…

di Massimo Tamajo


Ho avuto sin da piccolo la passione degli astri, tanto che a circa 16 anni frequentai un corso di astronomia che mi affascinò molto.

Gli studi e poi il lavoro mi hanno fatto percorrere altre strade, ma la curiosità ed il fascino per il cielo profondo mi è rimasta.

Faccio il fotografo naturalista da circa 7 anni ma è solo da qualche settimana, che la mia più grande passione si è unita a quella che avevo già da adolescente per sfociare nell’ astrofotografia.

Ho cominciato a reperire informazioni sui portali specializzati per cercare di capire di cosa avevo bisogno per fare fotografia astronomica e mi sono reso conto che un fotografo naturalista, che mediamente possiede una discreta reflex, un robusto cavalletto, una buona testa e delle lenti (macro o tele) discrete, ha bisogno di veramente poco.

Basta semplicemente un astroinseguitore, cioè un aggeggino che segue il movimento di rotazione terrestre e permette quindi di poter acquisire segnale anche per minuti senza per questo avere stelle a striscie o astri sfocati.

Preciso subito che si tratta di un approccio amatoriale all’astrofotografia (per quello professionale ci vogliono telescopi con diametri generosi e soprattutto montature equatoriali ben più costose) ma che ci permette ugualmente di ottenere risultati più che gratificanti.

Questo è quello che potreste ottenere seguendo gli accorgimenti che mi accingo a condividere:







Ho ottenuto la vostra attenzione?

Bene allora passiamo alla parte pratica, non prima però di aver ricapitolato l’attrezzatura che ci serve:

• Reflex FF o APS-C, ma anche una bridge credo possa andare bene.

•Obiettivi che già possediamo (io ho usato il Tamron 150-600mm, ed il sigma 180mm macro)

•Cavalletto robusto con testa a cremagliera. Se non possedete la testa a cremagliera si puo acquistare insieme all’astroinseguitore una testa equatoriale come accessorio a circa €60,00

•Astroinseguitore (io ho preso lo Skywatcher Star Adventurer a circa €300,00 ma ce ne sono altri con meno o con più funzionalità, la cosa importante è che permettano il cosiddetto inseguimento siderale), barra ad L e puntatore polare illuminato (tutto compreso nel kit dello SA)

•Asta con contrappeso (accessorio che serve a bilanciare il peso della reflex e della lente) costo €25,00

•Telecomando e timer (potete utilizzare l’app del vostro smartphone)


Fatto il punto di quello che in gergo viene chiamato setup, passiamo alla fase di preparazione.

Bisogna recarsi in un sito molto buio, con poco IL (inquinamento luminoso), i vostri scatti ne gioveranno tantissimo.

Scaricate e consultate questa app gratuita per android “clear outside” e sarete informati sulla qualità del cielo e sulle previsioni meteo.
E’ disponibile anche dal web a questo indirizzo: https://clearoutside.com

Se siete relegati nel giardino di casa in città non disperate, potrete fare ugualmente foto soddisfacenti.

Una volta sul posto, montate tutto prestando attenzione a bilanciare bene il peso dell’accoppiata reflex-lente con quello del contrappeso.
Direzionate lo SA verso Nord per poter eseguire l’allineamento alla polare.

Piccola parentesi, molti lo sapranno già ma l’astroinseguitore funziona bene se viene eseguito alla perfezione l’allineamento polare per cui questa fase è importantissima.

Vi consiglio di consultare il manualetto a corredo dello SA per eseguire un perfetto allineamento.

In sintesi è necessario posizionare la Stella polare sul crocino del puntatore dello SA agendo sui movimenti micrometrici della testa a cremagliera o sulle leve della testa equatoriale dello SA.

Effettuato l’allineamento, fate partire lo SA posizionando il selettore sulla stella (movimento siderale).

Tramite le due ghiere, una sullo SA e l’altra sulla barra a L, potete direzionare la reflex verso l’oggetto del profondo cielo scelto, ma fate molta attenzione a non spostare il cavalletto o spostare lo SA dalla sua posizione, pena, dover ricominciare con l’allineamento polare.

Massimo TamajoMassimo TamajoMassimo Tamajo
Costellazione di OrioneMilky way durante l'eclissi di LunaLuci nella notte

Massimo TamajoMassimo Tamajo
A n d r o m e d aLe stelle dei pirenei


Bene adesso siamo pronti a scattare, non prima però di aver capito cosa si intende per light, dark, flat e bias.

I lights sono i nostri scatti ordinari, quelli che raccolgono luce.

I darks sono scatti effettuati con le stesse impostazioni dei lights ma con il tappo sulla lente e servono per raccogliere il rumore termico dovuto alla lunga esposizione; è consigliabile farli subito dopo la sessione dei lights per avere le stesse condizioni di temperatura ambientale.

I flats sono scatti effettuati con stessi ISO, diaframma e MAF dei lights ma con tempi di scatto settati in maniera tale da avere un istogramma a circa ¾ di luce.

Si possono realizzare anche il giorno dopo e per farli è necessario porre davanti all’obiettivo un velo, un foglio o qualunque altra superficie che possa, se illuminata da una sorgente, diffondere luce in maniera uniforme.

Io per fare i flats non metto nulla davanti alla lente ma piuttosto punto la lente verso il cielo (ovviamente di giorno) in una zona luminosa e regolo il tempo di scatto, come già indicato, per ottenere un istogramma a circa ¾ di luce.

I flats servono a rilevare vignettatura ed eventuali macchie del sensore dovute a granelli di polvere.

I bias sono scatti effettuati con tappo sulla lente e tempo di scatto il più rapido possibile e servono per registrare il rumore elettronico.

Imparati i nomi di quelli che saranno i nostri scatti, per cominciare, consiglio sempre di effettuare uno scatto ad alti ISO (5000/6400) e sufficienti secondi di esposizione per poter sistemare la composizione.

Sistemata l’inquadratura possiamo cominciare la nostra sessione di scatti, ricordandoci sempre di effettuare una idonea pausa tra uno scatto e l’altro per evitare di surriscaldare troppo il sensore.

Il numero di scatti e le impostazioni della reflex dipendono da cosa volete riprendere e dalle condizioni di contorno.

Per ottenere lo scatto di Andromeda che avete visto sopra, ho fatto 77 scatti a f/6,3, ISO 3200, 30sec. e 36 scatti a f/6,3, ISO 2000, 30sec. tutti a 600mm.

Ho fatto poi 32 darks, 25 flats e 45 bias.


Finita la sessione degli scatti si torna a casa e si passa alla fase di elaborazione.

Anche qui c’è da sbizzarrirsi. Esistono diversi software per elaborare gli scatti raccolti, alcuni totalmente gratuiti altri a pagamento ma con funzionalità aggiuntive molto utili. Fra i vari titoli ci sono DSS, IRIS, PixInsight.

In linea di massima l’elaborazione consiste nel calibrare tutti gli scatti riposizionandoli in maniera tale da poterli sovrapporre perfettamente; addizionarli in modo da sommare il segnale ottenuto e nello stesso tempo sottrarre rumore termico, elettronico, vignettatura e macchie del sensore.

Alcuni software hanno poi ulteriori algoritmi di riduzione rumore, deconvoluzione e trattamenti cosmetici vari.

Per i miei scatti sto usando PixInsight per l’elaborazione e PS CC 2018 per la parte “estetica”.

Se non riuscite a capire bene come usare i software (non sono proprio user friendly) vi consiglio di seguire i numerosi tutorial che si trovano su youtube.

Spero di esservi stato di aiuto e soprattutto spero di aver stuzzicato la vostra curiosità verso questo splendido mondo della fotografia astronomica.

Vi lascio con l’ultimo suggerimento, a mio avviso il più importante: quando vi recate nei posti bui, non dimenticate di alzare lo sguardo verso il cielo e di contemplare, per tutto il tempo che merita, la volta celeste….


Autore: BIANCOENERO - Inviato: Ven 05 Ott, 2018 11:06 am
Massimo, non c'ho capito un flats e nemmeno un bias, però ho capito che quando ti interessa una cosa ci si butta a bomba e sicuramente con un minimo di ricerca si possono ottenere di questi meravigliosi scatti.
E poi ci vuole il tempo...tempo da dedicare per recarsi nella situazione di minor IL e il tempo per la sincronizzazione e poi di realizzazione, oltre al successivo tempo per confezionare il tutto...magari un giorno...chissà!
Per ora mi limito a farti i miei complimenti e grazie per aver condiviso tutte queste informazioni!

Ciao
Autore: littlefà - Inviato: Ven 05 Ott, 2018 11:34 am
Che dire Massimo,ci hai guidato attraverso un mondo ricco,ricchissimo di fascino,che io vedo lontano anni luce(per stare in tema) dalle mie capacità e possibilità. Riuscire a coltivare le proprie passioni è un qualcosa che sempre gratifica e vedere poi i risultati che riesci ad ottenere dev'essere appagante. Una cosa la posso dire,il consiglio di stare a contemplare il cielo e le sue meraviglie lo seguo da sempre,chissà che un giorno anche grazie a questo tuo articolo,non riesca a portarmene un pezzetto con me. Complimenti e grazie per la tua disponibilità nel condividere con tutti noi queste informazioni. Ciao
Autore: Arnaldo A - Inviato: Ven 05 Ott, 2018 12:14 pm
Bello il tuo racconto ed affascinante..Ma penso che ci vuole tanta esperienza sia per fare certi scatti e poi per realizzarle..non è da tutti..complimenti Ciao
Arnaldo
Autore: carcat - Inviato: Sab 06 Ott, 2018 9:19 am
grazie per la generosità nelle informazioni!
Autore: Massimo Tamajo - Inviato: Ven 12 Ott, 2018 5:44 pm
Bianconero ti ringrazio molto per i complimenti e si sono d'accordo con te che ci vuole del tempo per recarsi sul posto, puntare la polare e raccogliere ed elaborare gli scatti fatti, ma sono dell'idea che bisogna ritagliarsi un po' di tempo per le proprie passioni (io forse un po' esagero Very Happy Very Happy ).

Littlefà grazie mille anche a te per aver apprezzato. Naturalmente se decidi di provarci non farti scrupolo a chiedermi tutte le info di cui hai bisogno.

Armando A grazie per i tuoi complimenti, non è facile realizzare questi scatti ma vuoi mettere poi la soddisfazione?? Provaci!!

Carcat io sono sempre stato per la condivisione delle informazioni. Ho ricevuto tanto aiuto quando ho cominciato a scattare (specie su questi lidi) e quindi mi sembra il minimo ricambiare con qualche piccolo suggerimento.

Un caro saluto a tutti e scusate per la tardiva risposta


Ciao

posting.php?mode=reply&t=700945&sid=e90aec2076378fee8091d13fe3cd4b96

Tutti i contenuti presenti sul sito sono di proprieta' esclusiva degli autori, sono vietate la riproduzione e la distribuzione degli stessi senza previa esplicita autorizzazione.

Visualizza la policy con cui vengono gestiti i cookie.

© 2003, 2015 photo4u.it - contatti - based on phpBB - Andrea Giorgi