photo4u.it
Menù
Home Home
Forum Forum
Fotografie Fotografie
Le tue Preferite Le tue Preferite
Foto della settimana Foto della Settimana
Foto in Vetrina Foto in Vetrina
i Contest di photo4u.it Contest 4u
Taccuino fotografico Taccuino fotografico
Grandi Memo Grandi Memo
Articoli Articoli
Interviste Interviste
Le recensioni degli utenti Recensioni
Tutorial Tutorial
Eventi Eventi
Libri Libri
Segnalazione concorsi Concorsi
Donazioni Donazioni
utileFutile utileFutile
Lo staff di photo4u.it Lo staff
Contatti Contatti
Benvenuto!
Login
Utente:

Password:

Login automatico
 
photo4u.it - Eventi
Roma - Imago fino al 3 dicembre 2017 al Museo Pigorini

Roma - Imago fino al 3 dicembre 2017 al Museo Pigorini



Il Museo delle Civiltà e Graffiti Press presentano la rassegna fotografica "Imago", nel Salone delle Scienze del Museo "Luigi Pigorini".


Fonte: http://www.museocivilta.beniculturali.it/news/item/74-imago.html

22 ottobre - 3 dicembre 2017

La rassegna è composta da tre progetti fotografici editi dalla Graffiti:

• Mongolia - Taccuino di silenzi di Paolo Sollazzo
• Antartica di Paolo Beltrame
• Luce come narrazione di autori vari


“MONGOLIA – TACCUINO DI SILENZI” di Paolo Sollazzo

Il titolo della mostra e del libro danno subito la dimensione e il senso di questo lavoro che ci accompagna negli spazi sconfinati di questa terra lontana. Una vera passione quella dell’autore Paolo Sollazzo non solo per la fotografia e certamente non per la fotografia in senso tradizionale, ma per l’immagine suggestiva, evocativa, una passione che sembra essere solo e unicamente quella di comunicare una sensazione attraverso un’immagine. E infatti più sono forti le sensazioni, i sentimenti, più l’immagine è evocativa. È questo il senso dello sfumato, della dissolvenza esagerata di queste opere dove i colori e le immagini più che fotografate sembrano dipinte. Colpi di pennello invece che pixel colpiti dalla luce, la stessa differenza che c’è tra la pittura realista di Corot o di Millet e l’impressionismo di un Monet. E infatti l’originalità di questo fotografo sta proprio nell’aver saputo stabilire questo legame insolito fra fotografia, pittura e impressioni, stati dell’animo. La dimensione del silenzio è quella che prevale su tutto il resto, è quella che regna sulle immagini, anche quando queste ritraggono mandrie in movimento, o ancora di più spazi vuoti o uomini solitari in mezzo a uno spazio che pare infinito e indefinito. L’immagine appena accennata, così lontana dal concetto di fotografia tradizionale, guadagna intensità nella forma e nel contenuto spostandosi da un piano puramente documentario a quello di una personalissima quanto esclusiva visione intima e onirica della scena fotografata.Nel mare di silenzi e di spazi infiniti troviamo anche le riflessioni e i pensieri, che Sollazzo ha voluto annotare in un “taccuino” a completamento di questo suo percorso di sensazioni visive e stati dell’animo in questa terra lontana.

“Mongolia – Taccuino di silenzi” ha vinto i seguenti premi internazionali come miglior libro fotografico:

• PRIMO PREMIO GOLD DEL PX3 2017 (Prix de la Photographie Paris)
• MIFA 2017 (Moscow International Foto Awards)
• IPA 2017 (International Photo Awards) Honorable Mention
• IDA 2017 (International Design Awards) come miglior copertina, grafica, impaginazione del libro.

“ANTARCTICA” di Paolo Beltrame

I ghiacciai e gli iceberg – piccoli e grandi – il mare color petrolio sotto un cielo plumbeo, tutti i colori di questa natura incontaminata, il bianco della neve, il celeste dei ghiacciai, il grigio delle rocce, e il verde dei prati appaiono così come l’occhio umano li vede.
Ma i veri protagonisti sono gli animali, unici abitanti di questa terra che catturano e colpiscono per le loro espressioni e movenze quasi umane, forti e indifesi allo stesso tempo. Pensiamo allo sguardo dolcissimo di un leone marino, le attenzioni dei pinguini per i cuccioli, il volo degli Albatross dalle grandissime ali, il piumaggio colorato dei pinguini Reali.
È così che arriva l’Antartide.

Ci sono luoghi che molto più di altri rendono profondo il significato delle parole tranquillità e silenzio. L’Antartide è sicuramente uno di questi. Concetti sempre più rari in questo nostro frenetico mondo nel quale viviamo perennemente avvolti dalla colonna sonora di umani rumori, salvo poi arrivare qui dove l’uomo non riesce a imporre la sua presenza, dove il rumore del vento, delle onde magicamente riaffermano la presenza forte e vera di Madre Natura. Questa è la filosofia che ha spinto l’autore a intraprendere questo difficile viaggio dalla Terra del Fuoco, attraverso la South Georgia, le isole Orcadi fino alla Penisola Antartica, il continente di ghiaccio tra iceberg che vagano come isole galleggianti, dove la natura sembra farsi più dura, circondato da centinaia di migliaia di pinguini Gentoo, fino allo stretto di Bransfield e a Deception Island per poi ritornare attraverso il canale di Drake.


“Antarctica” ha vinto i seguenti premi internazionali come miglior libro fotografico:

• PRIMO PREMIO GOLD del MIFA 2017 (Moscow International Foto Awards)
• PREMIO BRONZE del MIFA 2017 (Moscow International Foto Awards)
• Secondo Premio del TIFA 2016 (Tokyo International Foto Awards)
• Terzo Premio del Concorso MIFA 2016 (Moscow International Foto Awards)
• IPA 2016 (International Photo Awards) Honorable Mention

“LUCE COME NARRAZIONE” di Autori Vari

Fotografare la luce. Così inconsistente, aerea, impalpabile eppure così presente in ogni circostanza, in ogni immagine. Fa parte della nostra vita, quasi come l’aria, tanto che non siamo abituati a considerarla un elemento da ritrarre, importante come il soggetto o la scena che vogliamo riprendere. Eppure nella sua inconsistenza materiale la luce entra da protagonista in ogni immagine, fino a diventare strumento di comunicazione come lo è ogni elemento che compone l’immagine stessa. La luce come narrazione segna il passaggio dallo studio delle forme, del colore, della presenza fisica delle cose e delle persone nell’immagine, della loro collocazione nello spazio, allo studio sull’uso della luce, quale parte integrante, portante del linguaggio fotografico. Lo scatto deve essere frutto di una scelta, di una riflessione, di uno studio, che parta dalla consapevolezza che la luce completa e dirige lo sguardo del lettore,comunica il contenuto e il sentimento dell’autore, valorizza o esclude dallo sguardo un particolare, una situazione, una presenza. Un percorso e una riflessione sulla fotografia e il suo significato, sugli elementi che la compongono, che diventa anche una riflessione sul mondo odierno, dove tutto viene e passa senza che sia possibile fermarsi a riflettere, cosi come passano le mille immagini che ogni giorno affollano la nostra vita. La mostra “Luce come narrazione” è il prodotto finale di un grande lavoro di equipe di 37 autori che dopo aver frequentato l'omonimo Master della Scuola di Fotografia Graffiti, ideato e diretto dal Maestro Gianni Pinnizzotto, hanno sviluppato il tema e raccolto le immagini in un volume fotografico, che ha riscosso grande successo di pubblico e di critica.

“ Luce come narrazione” ha vinto i seguenti premi internazionali come miglior libro fotografico:

• IDA 2017 (International Design Awards) come miglior copertina, grafica, impaginazione del libro.
• IPA 2017 (International Photo Awards ) Honorable Mention



posting.php?mode=reply&t=687000&sid=d81c73c4d179dd182e72455f7b64bbe9

Tutti i contenuti presenti sul sito sono di proprieta' esclusiva degli autori, sono vietate la riproduzione e la distribuzione degli stessi senza previa esplicita autorizzazione.

Visualizza la policy con cui vengono gestiti i cookie.

© 2003, 2015 photo4u.it - contatti - based on phpBB - Andrea Giorgi