photo4u.it
Menù
Home Home
Forum Forum
Fotografie Fotografie
Le tue Preferite Le tue Preferite
Foto della settimana Foto della Settimana
Foto in Vetrina Foto in Vetrina
i Contest di photo4u.it Contest 4u
Top 100 autori Top 100 autori
Grandi Memo Grandi Memo
Articoli Articoli
Interviste Interviste
Le recensioni degli utenti Recensioni
Tutorial Tutorial
Eventi Eventi
Libri Libri
Segnalazione concorsi Concorsi
Donazioni Donazioni
utileFutile utileFutile
Lo staff di photo4u.it Lo staff
Contatti Contatti
Benvenuto!
Login
Utente:

Password:

Login automatico
 
photo4u.it - Interviste
Le interviste di photo4u.it! - GFortunato -
Vi presentiamo la sesta uscita della nostra nuova rubrica 'le interviste di photo4u.it': uno scambio di pensieri con attori del nostro forum, che si sono contraddistinti per crescita fotografica, sensibilità, voglia di sperimentare, abilità e perizia fotografica. Il nostro AlexKC intervisterà quindi GFortunato, per aiutarci a conoscerlo meglio.

Buona lettura a tutti!





1) Possiamo dire che la tua intera produzione si concentra nell’ambito della fotografia paesaggistica. Come definiresti questo genere fotografico?


La definirei così: “La fotografia di paesaggio è una rappresentazione soggettiva della simbiosi che si crea tra un essere dotato di sensibilità e la natura". E’ un aforisma che ho creato ad hoc e che dal mio punto di vista racchiude l’ampio significato di questo genere fotografico con il binomio: sensibilità artistica e passione per la natura.



2) Le tue foto evidenziano uno studio a tavolino prima dello scatto sia per quanto riguarda le inquadrature che per ciò che concerne la luce. Quanto pensi che la resa finale sia merito della pianificazione e della ricerca e quanto pensi che sia dovuto all’imprevedibilità del caso?

Tante volte prima di un viaggio, noi fotografi proiettiamo un’immagine nella nostra mente. E’ la fotografia che vorremmo scattare con le caratteristiche con il quale il nostro immaginario dipinge il luogo. Ti faccio un esempio. Vado in Norvegia a Luglio, sono entusiasta perché non vedo l’ora di catturare qualche bella aurora boreale. So che l’aurora è un fenomeno tipico dei paesi nordici ed associo questa caratteristica alla fotografia che vorrei scattare. Purtroppo le probabilità che io ritragga l’aurora boreale durante questo viaggio sono quasi pari allo zero. Infatti, se mi fossi documentato sulle caratteristiche climatiche della Norvegia avrei appreso che il periodo dell’anno da me scelto è il meno indicato per osservare il fenomeno. Durante il mese di Luglio il sole è presente per quasi 24h nell’estremo Nord della Norvegia e l’aurora boreale è visibile solo di notte. Come vedi le conoscenze basilari sul luogo sono fondamentali e nella fotografia di paesaggio è importante prevedere il “prevedibile”, per cui: incidenza della luce, maree (nel caso si volesse ritrarre un paesaggio marino), orografia , orari di alba e tramonto. Mentre il fattore imprevedibilità è semplicemente ciò rende unico questo genere fotografico rispetto ad altri.


3) Sempre a proposito di imprevedibilità: un aspetto molto particolare della fotografia paesaggistica è il fatto di non sapere sempre a ciò che si va incontro. Si cercano le giuste condizioni atmosferiche, ma non si sa mai precisamente a cosa ci si troverà davanti in termini di luce e soprattutto se saremo in grado o no di scattare. Vivi con frustrazione un viaggio di ore per trovare poi pioggia o brutte (o insignificanti) condizioni di luce o hai imparato a conviverci?

Considero costanza e pazienza tra i “talenti” che un fotografo paesaggista deve necessariamente avere. É proprio attraverso queste caratteristiche che si riescono a catturare situazioni importanti. Chiaramente il cattivo tempo o un possibile scatto mal gestito possono portare un pizzico di frustrazione, ma ritengo che questo stato emotivo debba essere relegato a brevi momenti. Tra l’altro attraverso queste situazioni è sempre possibile evolvere la propria passione. Ad esempio in caso di maltempo si può sempre approfondire lo studio del luogo ed attraverso un eventuale errore tecnico si possono limare le proprie conoscenze.


4) Come ti prepari prima di una uscita fotografica?

Innanzitutto scelgo il luogo basandomi sul periodo dell’anno, le caratteristiche del paesaggio e l’incidenza della luce. Se si tratta di un paesaggio marino controllo anche le maree. L’abbigliamento diventa un altro fattore non di poco conto, in special modo se si vive in una terra umida come quella Scozzese. Cerco di non dimenticare mai i miei stivaloni da pescatore e tutto ciò d’impermeabile che ho a disposizione. E’ importante inoltre controllare lo stato della propria attrezzatura e ricordarsi di pulire i vari filtri ed obbiettivi (questo per evitare spiacevoli situazioni osservando poi gli scatti sul monitor di casa...). Ed infine, dopo aver pensato a tutto ciò parto con una buona e sana dose di entusiasmo.


5) La foto di paesaggio è spesso vista come dominio assoluto degli obiettivi ultra grandangolari, ma tra le tue foto se ne trovano spesso di atipiche, alla ricerca di particolari o di prospettive inusuali. Quanto è importante non cadere nei cliché tipici che imperversano soprattutto sul web negli ultimi anni e cosa rende uno scatto davvero degno di nota dal tuo punto di vista?

Definire una fotografia di paesaggio “originale” al giorno d’oggi è piuttosto arduo. Onestamente non ritengo sia comunque questo il punto e non credo sia nemmeno una questione di focale, ma piuttosto di approccio. Si vedono spesso immagini di un determinato luogo, fotografato con la stessa focale, stessa tecnica, medesimo periodo dell’anno e della giornata. Capisco che per alcuni sia importante ricevere il “bravo/bravissimo” sul forum di fiducia o ancora il complimento dal vicino di casa, ma queste “foto-copie” possono essere comprensibili quando ci si trova agli stadi iniziali della propria passione, mentre una volta raggiunta una certa maturità tecnica/artistica si può e si dovrebbe osare di più, imboccando senza particolari timori un percorso più personale. Ecco, un’immagine è dal mio umile punto di vista degna di nota nel momento in cui attraverso essa si evince la ricerca dell’autore.


6) So che se non sei soddisfatto della luce preferisci non scattare affatto. La trovo una scelta saggia, perché quasi tutti cercano di salvare qualche scatto anche dove non c’è nulla da recuperare. Il moderno fotografo digitale è colto da raptus esibizionistico e pur di esporsi in qualche modo propone anche scatti che farebbe bene a tenere nell’hard disk. Questo fa male secondo te alla fotografia e tu come vivi questo aspetto?

Non credo possa essere un male per la fotografia, ma piuttosto per il fotografo, poiché in base a dove si esporrà, potrebbe “rischiare” di essere lodato, sebbene lo scatto proposto fosse oggettivamente da cestinare. Personalmente fotografo quando percepisco delle situazioni importanti. Questo non significa automaticamente che sarà un’immagine degna di nota ed infatti, spesso giudicando la foto in tempi diversi mi accorgo che le emozioni del momento avevano stravolto il mio giudizio su di essa. L’autocritica diviene fondamentale in questi casi.



7) Molte volte quando si giudica questo tipo di foto si è influenzati dalla bellezza del paesaggio. Quanto è merito del fotografo che lo va a scovare, quanto è merito della natura e qual è la tua posizione al riguardo?

Non vorrei sembrare banale, ma entrambi i fattori sono importanti. Tutte le fotografie sono frutto di un paesaggio da cui trarre ispirazione e da un individuo il quale attraverso un mix di tecnica/istinto/visione ne proietta la sua interpretazione. Un paesaggio o un particolare soggetto che a me dice mille parole a te potrebbe apparire privo d’interesse e viceversa.



Tomato Ninja8) Quanto ritieni importante il momento dello scatto e che peso dai invece alla post produzione?


Il momento dello scatto è assolutamente fondamentale se parliamo di fotografia. La post produzione è un passaggio obbligatorio ed è atto ad ottimizzare l’immagine. E’ importante anch’essa, purché non la si usi a mo di “salvagente”, volendo tramutare uno scatto non riuscito in una bella foto. Penso che dalle mie parole si intuisca il fatto che non approvi l’utilizzo massiccio dei software di fotoritocco. Punti di vista.




9) Trovi interessante il confronto che si può avere in forum come P4U? I forum sono una sorta di piccola scuola di fotografia o più un luogo dove mettersi in mostra?


Il confronto su un forum come P4U è spesso molto interessante ed è stato di grande utilità per me. In generale considero comunque i forum un luogo di condivisione all’interno del quale è possibile apprendere e nello stesso tempo mostrare i propri lavori. Tuttavia periodicamente sento il bisogno di staccare la spina dall’ambiente forumistico.



10) Cosa consiglieresti a chi si avvicina alla fotografia di paesaggio?


Provo a mettere in fila una serie di considerazioni:

- Il paesaggio va vissuto, osservato, conosciuto e goduto sino ad esserne parte integrante noi stessi. L’essenza della fotografia paesaggista è proprio quella di porci dinanzi a situazioni e luoghi con occhi “diversi”, da come abitudinalmente li avremmo osservati. Per me è quasi un’esperienza mistica.
- Spesso nascono e s’infiammano discussioni infinite sull’attrezzatura fotografica (“la fotocamera da biliardi di pixel”). Va benissimo, ma non dimentichiamoci che il parco ottico più importante che abbiamo a disposizione, sono i nostri occhi.
- Concludo riprendendo il primo punto. Guardatevi bene intorno, perché non c’è bisogno a tutti i costi di prendere un aereo per trarre ispirazione da un paesaggio. Spesso le migliori fotografie sono fatte “dietro” casa, quando appunto il paesaggio può essere vissuto, osservato, conosciuto e goduto.







11) Salutandoti e ringraziandoti per l’intervista ti lasciamo un ultimo spazio per qualche considerazione personale.


Ne approfitto semplicemente per ringraziarvi dello spazio dedicatomi.





Autore: Mesco - Inviato: Mar 15 Nov, 2011 7:53 am
Il miglior fotografo italiano di paesaggio, della mia generazione e non solo. Un talento spropositato che col tempo, si è affinato, ed è sempre alla ricerca e in sperimentazione e crescita continua. Complimenti a entrambi per questa splendida intervista.
Autore: RPPhoto - Inviato: Ven 18 Nov, 2011 5:48 pm
Una bellissima intervista.
Autore: Frangì - Inviato: Lun 21 Nov, 2011 4:08 pm
Importante testimonianza corredata da splendite foto; mi è tornato, come un boomerang lanciato a tutta forza, il bisogno di paesaggio da vivere.
Autore: Matteo Re - Inviato: Mar 22 Nov, 2011 9:34 am
Bellissima intervista a uno dei migliori paesaggisti italiani e non solo!
Complimenti allo staff e al grandissimo For
Autore: GFortunato - Inviato: Gio 24 Nov, 2011 9:53 am
Grazie a tutti per la partecipazione. Non conosco il mio attuale "livello", ma so con certezza che questa passione mi da un gran benessere.

Fortunato
Oggetto: Complimenti
Autore: nfabiox85 - Inviato: Mer 30 Nov, 2011 9:52 am
Complimenti davvero.. Ti seguo da tempo e hai un talento naturale che unito alla tua grande professionalità ti rende sicuramente uno dei migliori fotografi paesaggisti in circolazione..
Continua così..
Autore: Macromak - Inviato: Dom 11 Dic, 2011 8:54 am
Caro Fortunato,
quando passione per la fotografia, amore di vivere la natura, abilità tecniche e capacità di interpretare si incontrano danno vita a ciò che si chiama "arte". Sono tutte qualità che emergono nei tuoi lavori, il tutto accompagnato dall'umiltà della tua persona (anche se non ho avuto il piacere di conoscerti di persona...). Una grande ispirazione!

Sinceri complimenti.

--Marco
Autore: smilzotuzzo - Inviato: Sab 24 Dic, 2011 12:26 pm
lo spettacolo della natura e della fotografia....grazie
Autore: maurizio-palumbo - Inviato: Mar 03 Gen, 2012 3:26 pm
E' uno dei miei paesaggisti preferiti: grandissima sensibilità per la scena unita ad una lettura della luce davvero sublime.
Sempre di grandissima ispirazione per chiunque dia un occhio ai suoi lavori.

Grande For!!
Autore: GFortunato - Inviato: Gio 05 Gen, 2012 9:58 am
Scusatemi ragazzi, ma non ho avuto molto tempo per connettermi di recente.
Leggo solo ora i vostri messaggi. Bhe...non posso far altro che ringraziarvi.

For

posting.php?mode=reply&t=522358&sid=9bc2686141a5f5228f1cd2c4ff50ed8e

Tutti i contenuti presenti sul sito sono di proprieta' esclusiva degli autori, sono vietate la riproduzione e la distribuzione degli stessi senza previa esplicita autorizzazione.


© 2003, 2013 photo4u.it - contatti - based on phpBB - Andrea Giorgi