x I termini di utilizzo di photo4u.it sono stati aggiornati in base alle attuali leggi europee per la privacy e protezione dei dati (GDPR). Puoi leggere la nuova versione nella pagina Termini di utilizzo e Privacy.
photo4u.it
Menù
Home Home
Forum Forum
Fotografie Fotografie
Le tue Preferite Le tue Preferite
Foto della settimana Foto della Settimana
Foto in Vetrina Foto in Vetrina
i Contest di photo4u.it Contest 4u
Taccuino fotografico Taccuino fotografico
Grandi Memo Grandi Memo
Articoli Articoli
Interviste Interviste
Le recensioni degli utenti Recensioni
Tutorial Tutorial
Eventi Eventi
Libri Libri
Segnalazione concorsi Concorsi
Donazioni Donazioni
utileFutile utileFutile
Lo staff di photo4u.it Lo staff
Contatti Contatti
Privacy policy Privacy policy
Benvenuto!
Login
Utente:

Password:

Login automatico
 
photo4u.it - Interviste


__________________


Dopo una piccola pausa, la redazione di p4u torna con una delle rubriche più importanti del nostro portale.
La famiglia di p4u nasce dall'interazione tra tante persone che si confrontano virtualmente, si scoprono e si conoscono tramite i loro lavori e i loro commenti. Dietro ogni parola, dietro ogni immagine, non c'è però solo un nick, ma una persona e il suo essere. Cosa c'è di meglio di andare a scoprire cosa o meglio chi si nasconde dietro un nick che incontriamo quotidianamente?
Alcuni dei componenti della nostra Community ci aprono le porte del loro mondo e grazie alle domande della redazione raccontano il loro vissuto, il loro modo di vivere la fotografia dentro e fuori p4u e tanto altro.
Questa volta è il turno di un utente che è con noi da anni, fotografo preparato e versatile, nonché ottimo e presente commentatore.
Giuseppe - "gfalco" - si racconta agli amici di p4u...buona lettura a tutti !



__________________


Ciao Giuseppe, prima di tutto grazie per la tua disponibilità a rivelarci qualcosa di te. Partiamo quindi dagli inizi, oltre a qualche informazione sulla tua persona e sui tuoi interessi, raccontaci come è nata e si è sviluppata la tua passione per la fotografia.



Cominciamo con un saluto agli amici di p4u e un grazie allo staff, in particolare a Rossella e Fabiana, per questa opportunità, a mio avviso importante in una comunità virtuale per potersi conoscere meglio.
Sono nato a Mantova nel 1962, ma ho trascorso i primi 13 anni della mia vita a Terracina, sul litorale pontino, dove mio padre lavorava in Polizia Stradale. Alla sua improvvisa e prematura scomparsa, mia madre, mantovana doc, decise di tornare al nord con noi tre fratelli (io sono il maggiore) e dal 1975 vivo nella mia città natia. Sono sposato e ho tre figli; ho studiato come perito commerciale, ma fin dai primi mesi di lavoro, sono stato catapultato nell’allora emergente mondo dell’informatica aziendale e tutt’ora, con la pensione inquadrata nel mirino, ma ancora puntata da un medio tele, mi occupo di analisi e sviluppo software applicato alla logistica di magazzino e di trasporto.
Dei tanti hobby e passatempi avviati nel periodo dell’adolescenza, mi porto dietro la passione per la lettura e la musica ascoltata (prevalentemente anglofona) e soprattutto per la fantascienza, scritta e filmata. La passione per la sci-fi è nata leggendo i romanzi di Isaac Asimov e guardando per la prima volta le puntate di Star Trek trasmesse da Telemontecarlo e visibili solo grazie ad una antennina portatile orientabile. La fantascienza che amo di più non è quella splatter alla “Independence Day” o quella distopica alla “Blade Runner”, che ho comunque visto, letto e spesso apprezzato, ma quella psico-sociologica che immagina una evoluzione positiva, quasi utopica, dell’umanità verso qualcosa di meglio rispetto a quanto essa non sia oggi. Una speranza che il mio avatar, il vulcaniano Spock, non condividerebbe poiché la specie umana è, secondo il suo metro, totalmente illogica.
Alla fotografia sono arrivato relativamente tardi, con gradualità e interamente da autodidatta.
Fin da bambino sono stato affascinato dalle fotografie. Sfogliavo libri, riviste, album di famiglia guardandole e riguardandole, soprattutto dopo aver realizzato, chissà per quale processo mentale, che una fotografia permette di vedere oggi come erano le cose e le persone in passato. Una ovvietà, ma che ha stimolato la mia curiosità di bambino. Non ho però iniziato a fotografare da piccolo, anzi nemmeno ci pensavo, perché in casa non c’era una fotocamera (almeno così credevo, vedi più avanti) e i miei genitori non fotografavano, nemmeno i piccoli eventi di famiglia lasciando questo compito al “fotografo”, un amico di mio padre, proprietario di un negozio/studio che era sistematicamente invitato a compleanni e ricorrenze varie.
Poco dopo il trasloco a Mantova conosco un ragazzo poco più grande di me, figlio di un fotografo. Un giorno si presenta in parrocchia con una biottica al collo. Sono curioso, gli chiedo di spiegarmi come funziona e lui, gentilissimo, mi fa anche fare due scatti in cortile (solo due… la pellicola costa). Interessante e divertente. Mi piacerebbe scattare ancora.
Combinazione, poco tempo dopo, spacchettando scatoloni, mi ritrovo in mano una Bencini Comet II nella sua custodia in similpelle. Quindi la fotocamera in casa c’era, ma inutilizzata da anni e segregata in un armadio. Ricevuto il permesso di usarla, corro al negozio del mio amico. Controllo veloce, sembra funzionare, acquisto un rullino (formato 127) e scatto le mie prime foto con questa macchinetta degli anni ’50 ritrovata per caso. Devo averle ancora da qualche parte. Compatibilmente con le mie scarse disponibilità economiche, condivise anche con altri interessi, consumo un rullino dopo l’altro: è iniziata l’era della fotografia.
Il Natale successivo ricevo in regalo una Kodak Instamatic 255x. Il mio interesse per la fotografia si amplia, leggo riviste (“Fotografare” e “Tutti Fotografi” su tutte), mi studio “Il Libro della Fotografia” di Andreas Feininger. La Kodak è limitata, ma per il momento non posso permettermi di più.
La prima reflex nel 1982, pochi mesi dopo aver iniziato a lavorare: una Fujica STX 1 che verrà sostituita dalla Nikon FM2 dopo alcuni anni, causa rottura improvvisa dell’otturatore.
Ho affinato la tecnica, ma continuo a scattare solo per diletto personale, per la famiglia, qualche volta per gli amici. Non penso mai di andare oltre: frequentare corsi, iscrivermi ad un circolo, partecipare a concorsi o ad altre iniziative, men che meno esporre le mie foto in pubblico. Gli unici scatti di questa epoca usciti dalle mura di casa li ho pubblicati poco tempo fa qui su p4u.
Tutto cambia con il passaggio al digitale e non solo in senso tecnologico.
Nel 2009 acquisto una piccola compatta per l’occasione di una vacanza in Scozia. Sperimento la camera chiara e prendo contatto con la postproduzione. All’inizio del 2011 acquisto una Nikon D70 usata, prima reflex digitale. Comincio a bazzicare online e mi iscrivo a diversi forum tra cui p4u, l’unico in cui sono poi diventato utente attivo. Inizio ad interagire con altri appassionati di fotografia, anche se solo virtualmente. Alla fine dello stesso anno, quasi per scherzo, partecipo al mio primo concorso fotografico, spinto da una collega, socia del piccolo circolo di paese che organizza la competizione. Ho una foto segnalata. Sull’onda dell’entusiasmo partecipo ad altri concorsi nazionali e internazionali, trovo l’attività divertente e stimolante per il fatto, dopo tanti anni di pratica autoindulgente, di poter sottoporre le mie immagini alla prova di un giudizio esterno.
I risultati generali non sono eccelsi, ma confortanti e ottengo diverse soddisfazioni. Finora mi sono preoccupato solo di tecnica, ma questo nuovo stimolo mi spinge a dedicarmi allo studio più approfondito della parte compositiva, del linguaggio fotografico e delle opere dei maestri.
Nel frattempo mi associo anche a FIAF, UIF e PSA. Nel 2015 la UIF mi seleziona come autore per il proprio Circuito, mostra itinerante annuale presso i circoli affiliati in tutta Italia. Con UIF partecipo anche, come fotografo e come selezionatore di immagini per la Lombardia, alla preparazione di un libro sui paesaggi e le feste tradizionali italiane, interamente realizzato con foto e commenti dei soci.
Grazie alle costanza nelle ammissioni nei concorsi, soprattutto internazionali, ricevo le onorificenze QPSA (2018) , AFIAP (2019) e BFA** (2022).
Pochi giorni fa mi sono iscritto al laboratorio del dipartimento cultura FIAF a tema “Confini”, con l’obiettivo di migliorare il linguaggio fotografico personale, parte ancora quasi inesplorata del mio percorso, e di lavorare in un progetto condiviso che, nelle intenzioni, mi terrà fotograficamente impegnato per i prossimi mesi.
Ecco, ho finito…


(ndr Liddesdale - Highland - Scozia)

Le tue foto sembrano essere tutte abbastanza naturali… Di quale attrezzatura disponi? Quanto conta per te l’aspetto tecnico rispetto a quello compositivo/emozionale?



Tecnica e composizione devono necessariamente convivere per poter ottenere delle buone fotografie ed è bene cercare sempre di migliorare in entrambe. Personalmente però tendo a dare più importanza all’aspetto compositivo che sintetizza il proprio modo di vedere il mondo attraverso l’obiettivo. La padronanza tecnica, in funzione dello strumento utilizzato, è importante per raggiungere un livello qualitativo accettabile, ma senza idee e senza una personale visione delle cose è una pratica sterile che produce immagini omologate.
Non essendo uno che rincorre la tecnologia, ho una attrezzatura piuttosto datata: una reflex APS-C Nikon D300 (ogni tanto ancora affiancata dalla “nonnina” D70), tre lenti fisse luminose 35-50-85, un wide-zoom 11-16, un tele-zoom 70-210, un tele catadiottrico 500, uno zoom tuttofare 18-105 che è l’obiettivo che uso più frequentemente. So che le reflex non sono più di moda e probabilmente spariranno dal mercato di fascia medio-bassa nel giro di 10 anni, ma sono abituato ad avere in mano una fotocamera “consistente” e a guardare in un mirino che mi permetta di vedere le cose come sono, senza intermediazioni. Pur rispettando chi la pensa in altro modo non credo cambierò.



Come già detto, la tua produzione è caratterizzata da un approccio sempre molto genuino, una rappresentazione della realtà che a volte descrive, ma spesso vuole stupire non con artefatti, bensì mostrando punti di vista diversi, insoliti, non scontati. Questo porta la tua produzione lontana da forme estreme di post-produzione. In un mondo dove filtri, artwork, magheggi con Photoshop, son all'ordine del giorno in una disperata ricerca del bello o dell'effetto wow, la tua è una scelta che sottintende una disapprovazione di questi aspetti?

Prima di tutto ti ringrazio per la descrizione che hai dato della mia produzione, mi lusinga molto.
Disapprovare è un termine troppo perentorio, diciamo che non condivido un certo uso che viene fatto della postproduzione, che poi è quello che hai descritto molto bene. Apprezzo però le opere ottenute con una post estrema, compresi gli artwork, se il lavoro è fatto bene ed ha un senso riguardo al contenuto e al messaggio oltre che alla pura estetica.
Per ciò che riguarda la mia fotografia, non mi cimento. Ho provato, ho gli strumenti software per poterlo fare, in parte so anche usarli e potrei approfondirne la conoscenza, ma non sono interessato all’argomento, preferisco concentrarmi sull’osservazione e sul momento dello scatto e limitare la post a quanto può correggere i piccoli errori di ripresa e superare i limiti fisici del sensore.


(L'altra Mantova)

Nella tua galleria ci sono molte immagini della tua città viste con occhio ironico e disincantato, spesso associate a titoli arguti e che suggeriscono letture inconsuete e originali; da dove deriva questa inclinazione? Hai anche dei ruoli divulgativi sul territorio?

Non ho ruoli divulgativi sul territorio anche se Mantova è il teatro principale delle mie fotografie. Amo la mia città, mi piace rappresentarla ed è anche una questione di comodità, essendo in perenne lotta con il tempo: se ho mezz’ora che posso passare con la fotocamera in mano, una breve passeggiata è la via più spedita per portare a casa qualche scatto. E’ una città molto fotografata, alcuni scorci sono inflazionati, ma è anche piccola e questo mi permette di conoscerla a fondo e di cercare un po’ di originalità negli angoli da riprendere e in situazioni che mi si presentano sul momento. Capita anche spesso che, dopo aver visionato una foto, decida di ritornare alla prima occasione nello stesso punto con una idea o una luce diversa.
Per risponderti sui titoli, premetto che sono una persona fondamentalmente ottimista che tende a trattare i piccoli problemi della vita quotidiana con ironia e un pizzico di sarcasmo. Questo lato del mio carattere mi induce a cercare questi aspetti nelle mie immagini e sintetizzarli nel titolo che per me non deve mai mancare quando si pubblica una fotografia. Non sono d’accordo con chi sostiene che il titolo indirizzi a priori la lettura: se un’immagine è ben riuscita, parla da sola, non ha bisogno di intermediari.





- "Green Pass(age)" -

A parte le foto della tua città, qual è il tuo genere preferito? Cosa ti piacerebbe fotografare e non ti è mai capitato di realizzare?

Ho sempre fotografato molto paesaggio, in particolare urbano e antropico, mi piace cogliere scorci, dettagli architettonici e geometrie. Mi piace anche la foto di viaggio che però, purtroppo, posso praticare poco.
Difficilmente fotografo persone, se non come parte di una composizione più ampia. In famiglia naturalmente sì, ma in pubblico non ho l’empatia necessaria per le foto posate e non ho la faccia tosta per rubare immagini alla luce del sole.
Ho fotografato per un paio d’anni la squadra di basket giovanile di mio figlio e nonostante i servizi fossero molto apprezzati da ragazzi, genitori e staff, ho concluso che non mi piace fare foto sportiva.
Mi piacerebbe molto fare della buona street, ma non ne sono capace.
Ultimamente sono anche attirato da macro e still-life che, attrezzatura a parte, penso sia più alla mia portata… ci sto lavorando.
Per ultimo, come ho accennato in precedenza, vorrei migliorare il mio linguaggio, renderlo più personale, passare dalla foto singola al portfolio e alla narrazione fotografica: è un percorso che mi piacerebbe portare avanti.




Cosa pensi degli aspetti Social della fotografia? Contribuiscono alla sua affermazione o ne sminuiscono il valore?

Difficile rispondere senza cadere in luoghi comuni.
Fiume incontrollato di immagini? Vero. Qualità media bassissima, in particolare sui contenuti? Vero. Utenti che al decimo like si considerano fotografi navigati? Vero. Certamente non si possono definire fattori positivi.
Si tratta però di considerazioni superficiali, secondo me c’è qualcosa di più importante. Se mettiamo da parte professionisti, artisti e fotoamatori “evoluti” che nei social hanno trovato un efficace veicolo di diffusione delle loro opere e dei loro servizi, per i fotografi “della domenica” (passami il termine) lo sviluppo delle piattaforme social ha cambiato radicalmente la motivazione per cui scattare foto. Prima si faceva per avere un ricordo, conservare un album da sfogliare ogni tanto, tenere una slide-show sul proprio PC.
Le immagini non si buttavano.
Oggi molte, moltissime immagini vengono prodotte solo per postarle il più velocemente possibile per poi dimenticarle, a causa anche del meccanismo stesso delle piattaforme, dopo pochissimo tempo.
Quindi per rispondere alla seconda parte della domanda, dipende dall’uso che si fa del social o meglio dal perché si fotografa. Chi fa vera fotografia, perché ci vive o perché ne vuole diffondere la cultura o perché la ama, ha nei social un potente strumento di diffusione e visibilità e credo che per la fotografia in generale sia un aspetto più importante rispetto alla quasi assenza di qualità e di necessità della maggior parte di immagini che vediamo scorrere continuamente sui nostri telefoni.

Giuseppe tu sei un autore presente su p4u da tanto tempo, si può dire un utente storico. Credi che in qualche misura il forum abbia condizionato la tua vita da fotografo? C'è qualche utente che puoi considerare una fonte di ispirazione, o perché no, da cui hai voluto "prendere le distanze" stilisticamente?

L’ha certamente condizionata, anche se non sulla produzione fotografica in sé e sullo stile, che erano già consolidati.
Come ho raccontato in precedenza, sono uscito dal guscio come fotografo con il passaggio al digitale e p4u è stato allora un importante aiuto per migliorare l’obiettività di giudizio delle mie immagini.
Ho iniziato postando timidamente qualche foto, nella sezione “Primi Scatti” (una grande idea questa sezione) avendo così la possibilità di interagire soprattutto con i membri dello staff che la curavano, poi ho provato a commentare a mia volta, affinando le mie scarse conoscenze sulla lettura delle immagini, e infine a postare foto nelle altre sezioni.
In un certo senso per me p4u è stato una sorta di “Circolo fotografico virtuale”, definizione che riportai in un post e che non piacque al compianto Tropico che mi elencò le differenze tra Circolo e Forum.
Per me che non ho mai frequentato ambienti fotografici e sono sempre stato un “solitario”, p4u rimane quanto di più vicino ad un Circolo possa esistere in rete. La recente uscita fotografica a Milano, cui purtroppo non ho potuto partecipare, ne è una prova tangibile.
Non mi sento di citare uno o più autori in senso positivo o negativo, qualche spunto l’ho preso qui e là, ma non posso dire di avere un autore di riferimento né di detestarne qualcun altro.



In tanti anni di presenza, hai sicuramente vissuto il forum nei suoi momenti felici e non. Ricordi qualche aneddoto piacevole o perché no anche spiacevole che ti va di raccontare?

Uno lo ricordo volentieri una vivace discussione, sul thread di commento di una mia foto, fra Tropico (sempre lui) e Cristian75, riguardo la mia partecipazione alla critica sulle foto altrui.
Nella stessa discussione la spiegazione delle differenze tra Circolo e Forum.
Sono andato a ripescarla… LINK





Un forum come il nostro, vive grazie alla critica fotografica. Tu sei senza dubbio uno dei commentatori più attivi, più versatili e senza pregiudizi di sezione. Cosa ti spinge a commentare una foto? Quali sono gli aspetti che tu analizzi nelle foto altrui e come ti poni nell'analisi, con la consapevolezza che non è mai semplice "metter parola" sulla creatura di qualcun altro?

Non vorrei sembrare un maestrino, perché non lo sono, ma prendo questa cosa molto sul serio.
Prima di tutto è un esercizio. Provo a leggere le foto altrui per migliorare l’autolettura delle mie, operazione molto ardua. Secondo cerco l’interazione con l’autore, in particolare se commento un’immagine in modo articolato.
Nell’analisi cerco di essere oggettivo e non condizionato dal mero giudizio estetico, considerando sia l’aspetto compositivo che il contenuto e dando maggior peso all’uno o all’altro in base all’immagine e alla sezione scelta dall’autore.
Per l’aspetto compositivo valuto quali siano il soggetto e il contesto, se il punto di ripresa è adeguato rispetto alla luce e al fotogramma, se la composizione sfrutta una qualche regola (terzi, diagonali, triangoli ecc.), non perché questo sia necessario o sufficiente per fare una buona foto, ma perché è indice di una ponderazione da parte del fotografo prima dello scatto o in fase di post, infine la lavorazione, in particolare se la foto proposta è monocromatica.
Tratte le conclusioni del caso mi chiedo se l’immagine mi piace ed eventualmente quali correttivi si potrebbero applicare, dando anche un’occhiata ai dati di scatto, se ci sono.
Da lì poi scrivo il mio commento che può essere un semplice “Che bella, mi piace” oppure uno più articolato, soprattutto se vedo qualcosa che a mio avviso non va.
Sembra un processo molto lento e complesso, ma è un metodo. Ti assicuro che ho impiegato più tempo a rispondere alla tua domanda di quanto mi prenda leggere una foto in questo modo.



Quali credi che possano essere gli aspetti costruttivi, utili e importanti nella critica fotografica e cosa invece dovrebbe essere evitato? Ti sei mai trovato davanti a dei commenti, a te o ad altri, che proprio non condividevi, magari non solo per semplici differenze di gusto soggettivo?

Una critica è costruttiva e utile quando riesce a dare suggerimenti motivati che scaturiscano da una visione oggettiva dell’immagine e non dal proprio gradimento o dalla simpatia/antipatia provata verso l’autore. Quello che va evitato, oltre a ciò che la normale educazione suggerisce, è dire esplicitamente “Io non avrei fatto in questo modo, ma avrei fatto in quest’altro”. Lo si pensa, magari in modo anche deciso, ma si scrive con un po’ di tatto e sempre motivando, anche solo tirando in ballo la soggettività della visione.
Spesso mi trovo commenti che non condivido appieno, se sono di altri sulle mie foto cerco sempre il contraddittorio, adducendo le mie motivazioni, se sono in risposta a miei commenti o commenti di altri su foto che non ho ancora commentato, non ho una regola: a volte rispondo, a volte no. Capita anche che, dopo aver commentato una foto, la risposta dell’autore o di un altro utente, mi faccia rivedere la mia posizione: non manco mai di scriverlo in questo caso.

gfalcogfalcogfalco
Piazzetta...(step back...(step back))Piazzetta...(step back)Piazzetta

gfalcogfalcogfalco
SollevanteAccoppiataDissenziente

gfalcogfalcogfalco
PasseggiataLungo il Fiume3 x 2







Domanda preziosa per noi della redazione. Negli anni abbiamo presentato tante rubriche e tante iniziative… ti senti di esprimerci un tuo parere, un tuo punto di vista, su quello che funziona e cosa no, su ciò che ti piacerebbe leggere, insomma un "suggerimenti e critiche sempre bene accetti"?


P4u è certamente un sito molto vitale ed è evidente lo sforzo per fornire sempre nuovi stimoli agli utenti. Non posso dare un giudizio puntuale su tutto perché onestamente ho seguito solo alcune delle iniziative proposte e ho avuto anche importanti periodi di assenza dal sito, per cui magari mi sono perso delle cose.
Una iniziativa che mi era piaciuta molto è “Critica al Buio”, che vedo ormai abbandonata e mi dispiace perché era davvero una buona idea. Ho seguito anche con interesse altre rubriche come “Circolo PickWick4u” o “Fotoconfronti”. E naturalmente le “Interviste”, come dicevo all’inizio, un bel modo di conoscersi meglio e il taccuino fotografico.
Ciò che non funziona bene a mio avviso è la continuità, ma su un sito gestito da volontari, legato al loro tempo e alla loro disponibilità non è una critica, è normale che sia così.
Se vuoi anche un suggerimento diretto… perché non riprendere i contest?


Per finire, come di consueto, ti chiediamo di scegliere cinque foto dalla tua galleria, quelle che ti piacciono di più o comunque cui sei più legato, corredate da una breve descrizione e spiegazione.


In ordine sparso ...


Liverpool - Riflessi n. 5

Ho scattato questa foto, insieme ad altre alcune delle quali postate su p4u, uscendo con le valigie in mano dall’hotel in cui avevo soggiornato a Liverpool che si trovava proprio in questo complesso commerciale ricavato nel vecchio porto mercantile. Un’insolita assenza di vento aveva trasformato il bacino in un vero specchio d’acqua. Ma il motivo per cui tengo particolarmente a questa foto è un altro: è l’unica che mi ha fatto guadagnare dei soldi! Si è classificata prima nella sezione Stampe a Colori a tema libero al 28° Concorso Nazionale di Fotografia di Cherasco (CN). 1800 foto in gara in quattro temi, solo 67 in tutto ammesse alla mostra. Primo premio in denaro. Credo che rimarrà un evento unico.


Ombre di Guerra

Questo scatto è frutto di una delle poche volte in cui studiando il soggetto e il contesto circostante ho pre visualizzato la lavorazione in bianco e nero come poi sono riuscito a realizzarla. La ripresa è stata molto difficile, dalla panchina posta sotto il missile proprio per poterlo ammirare con il naso all’insù. La focale a disposizione però mi ha costretto praticamente a coricarmi tra gli sguardi interrogativi degli altri visitatori (i miei familiari erano scappati altrove). Nonostante la scomoda posizione ho dovuto scheggiare gli angoli delle ali che proprio non entravano nell’inquadratura, ma lo ritengo un neo tollerabile.



Risveglio

Il primo anno e mezzo di Covid mi ha bloccato fotograficamente. Forse perché non ho mai smesso di lavorare in Smart Working, forse perché impegnato con i miei familiari a far funzionare le cose in una situazione inedita, forse perché la foto indoor non è tanto nelle mie corde, fatto sta che non ho fotografato per lungo tempo. Anche quando il lockdown duro è terminato, non avevo voglia di uscire con la fotocamera. Questa foto è la prima che ho scattato fuori casa dopo questo terribile periodo, il 3 settembre 2021. Non proprio la prima in assoluto, che risale al giorno prima, ma la prima che abbia deciso di pubblicare.


Solitari

Uno dei grandi vantaggi nel fotografare la città in cui si vive da molto tempo è sapere dove sarà il sole in un certo momento dell’anno e in un certo fotogenico angolo. Questa è una foto che ho studiato, ritornando in questa posizione più o meno alla stessa ora per una settimana in novembre, in attesa di trovare l’inquadratura e la luce adeguata. La fortuna premia gli audaci, ho trovato anche questo allineamento tra il passante e il commesso di Palazzo Te dietro il cancello.


Intermezzo (Il Maggiorenne)

Chiudo con questo ritratto di mio figlio, oggi quasi ventenne, per ricollegarmi al motivo per cui la fotografia mi affascina da sempre e che ho raccontato all’inizio: fermare il tempo, vedere le cose e le persone come erano in passato. Non solo, anche per ricordare a me stesso il periodo analogico, quando tenevo tutto per me nonostante anche allora si riuscissero a fare belle fotografie. Questa almeno lo è per me.


Autore: littlefà - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 11:42 am
Ciao Giuseppe!
È stato davvero un piacere leggere di te e conoscerti un po'. Le interviste ci permettono di andare oltre quello che il semplice confronto sul forum ci dice di chi abbiamo davanti, ci permettono di approfondire l'origine di certe immagini, di certi commenti, capire cosa c'è alla base, ed è una cosa stimolante ed appagante. Sei un utente prezioso , presenza storica su p4u, ricordo che sei stato una delle prime persone a dimostrare grande disponibilità e darmi consigli su un mio scatto quando la mia avventura qui era agli inizi.
Una formazione importante la tua e un' interessante crescita in questo mondo, che si vede , ti appassiona e ti coinvolge, e ti porta,grazie alla tua disponibilità, a condividere pensieri e consigli con chi ti circonda.
Grazie per esserti aperto a noi, grazie per la tua presenza importante.
E un grazie a Klizio e rrrossella , ottimi compagni di squadra ,per il lavoro!
Fabiana
Autore: lodovico - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 12:14 pm
Grazie Giuseppe per aver condiviso con noi stralci della tua vita ed aneddoti preziosi per poter delineare una figura a tutto tondo oltre un nome e le foto pubblicate.
Ho sempre apprezzato la tua lucidità, capacità di analisi, coniugate con una educata pacatezza di modi e spirito che ti invidio!
Per me sei uno dei punti di riferimento della comunità sebbene la mia frequentazione sia ormai solo marginale e limitata a qualche commento sparso.
Un grande abbraccio virtuale! Ciao
Autore: Enrico Lorenzetti - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 1:06 pm
bello leggere questo tuo diario dove arriva la tua passione fotografica per caso...
grazie per avermi fatto entrare nel tuo mondo, quello legato alla fotografia!
un saluto
Enry Lorenzetti
Autore: AarnMunro - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 1:31 pm
Bella quest'intervista e bello conoscerti.
E mi è piaciuta anche l'occasione di rivedere qualche foto tra le tue più interessanti.
Spero che rimarrà alto il tuo interesse a far parte del nostro gruppo di utenti più rappresentativi. Ok!
Autore: Gianluca Riefolo - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 2:24 pm
Complimenti Giuseppe. Bella ed interessante questa tua intervista. Un plauso anche allo staff che ci mette tempo, anima e passione.
Autore: Angelo Meroni - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 3:08 pm
Mille grazie Giuseppe per aver condiviso la tua storia fotografica, molto interessante e ricca di spunti, per quel che mi riguarda.
Continua, non farci mancare i tuoi commenti.
Grazie ancora.
Ciao.
Autore: paolo cadeddu - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 4:48 pm
Letto con piacere, sempre interessante e costruttivo sapere il parere altrui su questa nostra passione...

saluti
Autore: 1962 - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 5:46 pm
Grazie Giuseppe per questo bel racconto sul tuo percorso fotografico, ho letto questa intervista con molto piacere. Un caro saluto
Claudio
Autore: rrrrossella - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 5:47 pm
Giuseppe… grazie infinite per esserti raccontato in modo così naturale e spontaneo, è emersa la bella persona che sei, intelligente, arguto, ironico, equilibrato, disponibile Amici Ti ringrazio anche per avermi supportata e sopportata Wink

E un grazie di cuore ai preziosi compagni di lavoro, Fabiana e Nicola Smile
Rossella
Autore: onaizit8 - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 7:22 pm
E bravo Giuseppe.

Ho letto anch'io con piacere le tue considerazioni attorno alla fotografia sia quella più intima e concreta di quando si scattava a pellicola che quella di adesso più estemporaneamente digitale e relazione col mondo esterno, con gli appassionati della materia.

Ritrovo un po' di somiglianza sulla genesi del tuo inizio al mondo della foto con quello che è stato il mio e questo mi ti fa simpatizzare ulteriormente.

Il tuo modo di esprimerti visivo rispecchia anche quello della lingua scritta e trovo la stessa asciuttezza di contenuti ideologici e comportamentali che avevo intuito dal guardare le tue foto sul portale e da leggere i commenti che lasci agli amici dello stesso. Ritrovo anche la stessa onestà intellettuale.

Questo approfondimento è stato prezioso per conoscerti meglio di prima e si spera anche di avere l'occasione un giorno di conoscersi di persona e di stringersi la mano.

Buona serata e buona produzione di immagini oltre a una perdurante buona frequentazione di PHOTO4U che ogni giorno ci raccoglie sotto l'egida della stessa passione. Tiziano Ciao Ok! Wink
Autore: Arnaldo A - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 7:31 pm
Ciao Giuseppe o letto la tua intervista con molto piacere, apprezzo molto queste tue risposte ed anche le tue bellissime foto.
I miei complimenti a te e alla redazione per questa intervista. Ciao
Arnaldo
Autore: ant64 - Inviato: Gio 03 Nov, 2022 10:02 pm
E' stato piacevole leggere questa bella intervista, grazie a Giuseppe e alla Redazione.
Ciao
Autore: GiovanniQ - Inviato: Ven 04 Nov, 2022 9:48 am
Bella intervista, sempre piacevole e interessante leggere i tuoi commenti sotto le foto altrui, segno di grande cultura fotografica e soprattutto educazione da parte tua, un caro saluto.
Autore: Anna Marogna - Inviato: Ven 04 Nov, 2022 11:12 am
Aggiungere tasselli di un autore completa e arricchisce le immagini che già tanto raccontano di se. Complimenti, ciao Anna
Autore: Klizio - Inviato: Ven 04 Nov, 2022 11:59 am
Credo che i commenti che hai ricevuto siano la misura della stima che tanti di noi nutriamo per te come fotografo e come persona.
Grazie per esserti raccontato in modo così sobrio e trasparente.
E grazie per i consigli che stiamo prendendo seriamente in considerazione.
Ps. La foto dei gabbiani è un Life bellissimo, energico e ritmico, dovresti cimentarti di più sul genere...
Un caro saluto
Nicola
Autore: Flavia Daneo - Inviato: Ven 04 Nov, 2022 1:30 pm
Un'intervista letta avidamente e ricca di spunti. È sempre un piacere poter approfondire la conoscenza virtuale degli utenti di Photo4u, e ancor più piacevole quella dei commentatori " a tutto tondo" tra i quali mi piace annoverarti. Grazie per esserti raccontato. E chissà che prima o poi ci si possa incontrare di persona. Ciao
Autore: randagino - Inviato: Ven 04 Nov, 2022 2:38 pm
Ciao Giuseppe, piacere di averti letto!
Sono contento che sia tornata questa rubrica…
Autore: gfalco - Inviato: Ven 04 Nov, 2022 3:04 pm
Ringrazio tutti voi che avete speso un po' del vostro tempo per leggere e commentare, vi ringrazio anche per la stima e le belle parole.

Non l'ho fatto esplicitamente nell'intervista, lo faccio ora: ringrazio Nicola "Klizio" per il prezioso lavoro di impaginazione e pubblicazione e per l'accurata selezione delle foto dalla mia galleria.

posting.php?mode=reply&t=744781&sid=d5b04472dc2e0b5b14b66e0bfd7736c7
Vai a 1, 2  Successivo

Tutti i contenuti presenti sul sito sono di proprieta' esclusiva degli autori, sono vietate la riproduzione e la distribuzione degli stessi senza previa esplicita autorizzazione.

Visualizza la policy con cui vengono gestiti i cookie.

© 2003, 2015 photo4u.it - contatti - based on phpBB - Andrea Giorgi