x I termini di utilizzo di photo4u.it sono stati aggiornati in base alle attuali leggi europee per la privacy e protezione dei dati (GDPR). Puoi leggere la nuova versione nella pagina Termini di utilizzo e Privacy.
photo4u.it
Menù
Home Home
Forum Forum
Fotografie Fotografie
Le tue Preferite Le tue Preferite
Foto della settimana Foto della Settimana
Foto in Vetrina Foto in Vetrina
i Contest di photo4u.it Contest 4u
Taccuino fotografico Taccuino fotografico
Grandi Memo Grandi Memo
Articoli Articoli
Interviste Interviste
Le recensioni degli utenti Recensioni
Tutorial Tutorial
Eventi Eventi
Libri Libri
Segnalazione concorsi Concorsi
Donazioni Donazioni
utileFutile utileFutile
Lo staff di photo4u.it Lo staff
Contatti Contatti
Privacy policy Privacy policy
Benvenuto!
Login
Utente:

Password:

Login automatico
 
photo4u.it - Libri
L’occhio del fotografo (Michael Freeman)
Titolo: Lezioni di Fotografia
La composizione nella fotografia digitale


Autore: Michael Freeman
Italiano, dimensioni 23,5x25,5 cm
Edizioni: Logos, anno 2008
192 pagine, foto a colori;
Costo: € 14,95

Il libro di Michael Freeman si colloca all’interno di una più ampia collana il cui obiettivo è quello di introdurre il giovane fotografo alla conoscenza della fotografia digitale. Il libro presenta una chiara ed efficace impronta didattica dove le fotografie, a colori o in bianco e nero, sono affiancate da immagini, schemi ed esempi illustrati, accompagnati da brevi descrizioni e consigli pratici di tecnica fotografica. Tutti sanno come un’adeguata padronanza delle regole della composizione è indispensabile per realizzare fotografie efficaci. La capacità di riconoscere un’opportunità fotografica e di organizzare gli elementi grafici in un insieme riuscito è da sempre una delle qualità più apprezzate in un fotografo. L’era digitale ha notevolmente influenzato la modalità di avvicinamento alla fotografia, rivoluzionando la tecnica fotografica e le tecniche della composizione. La possibilità di rivedere gli scatti digitali sugli schermi delle apparecchiature elettroniche permette al fotografo moderno di avere un immediato feedback sulla loro bontà. Inoltre la post- produzione digitale con il computer e i numerosissimi software a disposizione consente di modificare e ottimizzare la composizione fotografica anche a posteriori. L’obiettivo, a dire il vero un po’ presuntuoso, del manuale è quello di analizzare il concreto processo di realizzazione delle fotografie digitali alla luce di quella che dovrebbe essere l’esperienza fotografica dell’autore. Il punto di vista dell’autore è quello che soltanto gli addetti alla materia possono dare concreti ed efficaci consigli sulla composizione fotografica avendo ben presenti le vere intenzioni che danno l’incipit alla fotografia ed essendo gli unici a conoscere le vere circostanze della genesi dello scatto. Questa visione “dall’interno”, quest’approccio esperienziale dovrebbe essere più fruttuoso per il neofita che si avvicina alla fotografia rispetto a quello teorico di innumerevoli studi, saggi e scritti filosofici, a volte piuttosto oscuri, dedicati alla fotografia e alla sua interpretazione. Nella breve introduzione al libro, l’autore ha la premura di citare perfino l’illustre Roland Barthes e alcuni suoi scritti di “La camera chiara” perfettamente enucleati dal contesto di origine, come esempio persuasivo per avvalorare la tesi della non completa efficienza per i “non- fotografi” (critici, Storici del’Arte, etc) alla riuscita dei compiti tecnici e compositivi offerti dal medium. Sorvolando le dubbiose note di premessa a carattere suasorio il manuale procede in maniera più ortodossa su quello che è un percorso didattico ben strutturato. Sei gli essenziali capitoli dedicati alla formazione di quell’”occhio fotografico” che promette di far scattare fotografie digitali memorabili a chiunque abbia la costanza di seguire i molteplici consigli pratici del libro del famoso fotografo internazionale. Il primo capitolo parla dell’inquadratura e dell’abilità dei tagli fotografici. La conoscenza dei principi della composizione e l’esperienza acquisita scattando molte foto contribuisce a potenziare quest’abilità. Interessante il secondo capitolo che prende in esame gli elementi basilari della composizione cioè il “contrasto” e il “bilanciamento” iniziando il percorso formativo su di una buona introduzione firmata dal quel Johannes Itten che fu portavoce della scuola tedesca della Bauhaus. L’autore propone nel suo manuale una buona analogia descrittiva con il linguaggio parlato: se l’inquadratura fotografica rappresenta il contesto e i principi costitutivi corrispondono alla grammatica, allora gli elementi grafici come il punto, la linea e la figura, corrispondono al vocabolario e l’azione di cui viene parlato in maniera esaustiva nel penultimo capitolo, equivale alla sintassi, ovvero al modo in cui le forme si legano insieme per dare vita all’immagine fotografica. Interessanti sono anche le parole e gli esempi dedicati all’”intenzione fotografica” ovvero alle idee più o meno generiche o precise del tipo di immagine che il fotografo si accinge a produrre e al consiglio spassionato di essere sempre consapevoli dell’atto-immagine. Contradditorio e poco utile al lettore consapevole dell’ultimo capitolo sui “processi creativi” sono invece i modelli fotografici “funzionanti”, prontamente clonati dal quanto mai efficace e risoluto repertorio del famoso fotografo americano e tutta la sua “banca mentale delle possibilità fotografiche”. Anzi direi che queste ultime repliche visive possano essere oltremodo dannose a quella che più di tutte dovrebbe essere il bene più caro da proteggere del fotografo, letteralmente da “salvaguardare”: l’originalità del suo sguardo. In conclusione possiamo comunque affermare di essere di fronte ad un buon manuale tecnico, scritto con efficacia, sicuramente utile a chi, per la prima volta, impugna la sua macchina fotografica digitale ed inizia il suo percorso formativo, desideroso di iniziare a comporre subito delle immagini decenti e di perfezionare velocemente le diverse tecniche per inquadrare al meglio i vari soggetti.

    Michael Freeman, fotografo di fama internazionale, scrittore specializzato in Viaggi, Architettura ed Arte asiatica, è noto soprattutto per la sua abilità nell’uso degli effetti speciali. Ha realizzato servizi fotografici per la rivista Smithsonian e ha lavorato per Time-Life e per il National Geographic. E’ autore di oltre venti volumi dedicati alla fotografia, tra cui spicca la celebre collana “Conoscere la fotografia digitale”, edita in Italia da Logos.

Letto per voi da surgeon.
Autore: modesto GF - Inviato: Mer 09 Feb, 2011 8:27 am
E' un manuale, quasi un bignami della composizione fotografica nell'era digitale. Sono riprese tutte le tecniche per elaborare la ripresa fotografica con diverse foto a corredo per illustrare l'applicazione. E' un libro interessante ma ha tutti i limiti di un manuale di fotografia...non ti coinvolge nella lettua e risulta alquanto accademico e didascalico. Alla fine uno si chiede...ma è più importante il fine (ovvero rappresentare un emozione in una foto) oppure il mezzo (scervellarsi su quale sia la tecnica perfetta per cercare l'inquadratura perfetta)??? Luigi Ghirri docet...
Autore: Frangì - Inviato: Sab 29 Ott, 2011 10:32 am
La composizione rappresenta un passaggio cruciale in fotografia e questo 'manuale' approfondisce con cura questo argomento, rendendo un quadro completo. Ma giacché di manuale si tratta, alla lunga può risultare sterile e schematico, senza coinvolgere il lettore nella lettura. Senz'altro un must della lettura fotografica, è carente però del terzo elemento della 'linea' di Cartier Bresson (testa, occhio e cuore)
Oggetto: Parere sul libro
Autore: ceccodavide - Inviato: Ven 17 Feb, 2012 8:28 pm
In questo libro che ho letto poco per volta mi sembra che i le regole sulla composizione siano espresse con termini tecnici un pò difficili(Ad es. cita le linne di forza senza spiegare da 0 cosa sono) perchè dati per scontati e lo stile narrativo è poco scorrevole.Inoltre i concetti sulla composizione sono citati a volte senza spiegarne il perchè sono validi(alcuni sono a livello universitario ma mancano della dimostrazione a parole).Penso che sia più utile un libro che faccia un corso sulla composizione e piuttosto che un manuale come già definito da altri.
Oggetto: Manuale semplice
Autore: ScaramucciValerio - Inviato: Sab 08 Set, 2012 3:51 pm
Personalmente l'ho letto due volte. Scritto semplicemente chiaro ne consiglio viovamente la lettura
Autore: haze - Inviato: Ven 01 Nov, 2013 3:11 pm
ottimo manuale di livello avanzato
Autore: Antonio Conti - Inviato: Sab 23 Ago, 2014 2:38 pm
manuale che tratta la composizione in tutti i sui aspetti,accompagnato da moltissime immagini dimostrative.
per me davvero ottimo Ok!

posting.php?mode=reply&t=481576&sid=afd08618a814af69318ddf5cc9803427

Tutti i contenuti presenti sul sito sono di proprieta' esclusiva degli autori, sono vietate la riproduzione e la distribuzione degli stessi senza previa esplicita autorizzazione.

Visualizza la policy con cui vengono gestiti i cookie.

© 2003, 2015 photo4u.it - contatti - based on phpBB - Andrea Giorgi